Censurate le Iene…

Leggo sul Corriere:

Bloccate le Iene. Niente servizio sull’uso di droga tra i parlamentari italiani. Lo stop alla trasmissione di Italia 1 è arrivato dal Garante per la privacy. E così il test effettuato su 50 onorevoli tramite il tampone frontale noto come drug wipe, secondo il quale uno su tre fa uso di sostanze stupefacenti, questa sera non andrà in onda. Immediata la protesta di Davide Parenti, papà e autore della trasmissione: «Andiamo in onda da dieci anni rispettando la privacy di tutti, perfino dei guaritori filippini e dei ladri di motorini, figuriamoci quella dei deputati».

Per una volta mi trovo daccordo con la Mussolini, che sostiene «Siamo al regime. La censura su una inchiesta giornalistica è grave e la denuncerò al Parlamento europeo»
In effetti, se come pare nel servizio non vengono mostrati i volti deglii interessati, e non si comunicano i nomi dei ‘positivi’, il servizio ha solo una valenza statistica, che non lede la privacy di nessuno…
Tanto più che oramai i dati si sono diffusi, su internet come sulla carta stampata, e questa censura non fa che alimentare la polemica e diffonder ulteriormente i risultati dell’inchiesta…
Anzi, perchè non passare da 50 a tutti i parlamentari?!?!?!?
Sarebbe interessante 🙂

Technorati Tags: , ,

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: