Treni, sciopero di 24 ore dalle 21 di giovedì

19 giugno, 2007

Il Gruppo Ferrovie dello Stato segnala che per uno sciopero nazionale del personale ferroviario indetto dai sindacati di settore dalle ore 21 di giovedì 21 alla stessa ora di venerdì 22 giugno, la circolazione dei treni è modificata come indicato nei seguenti programmi:

Programma treni media lunga percorrenza

notte 21-22 giugno
venerdi 22 giugno
sabato 23 giugno

Servizi essenziali in caso di sciopero (Legge 12 giugno 1990, n.146)

treni regionali 

Nel corso dello sciopero sarà garantito il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino, con il  “Leonardo Express” o con autobus sostitutivi.

Informazioni ed aggiornamenti al programma di circolazione predisposto da Trenitalia saranno comunicati  tempestivamente.

Ulteriori canali informativi: uffici informazioni, uffici assistenza clienti, biglietterie, call center Trenitalia 89.20.21, nunero verde 800.892021 (attivo dalle ore 14.00 alle 22.00 di mercoledì 20 giugno, dalle ore 7.00 alle 22.00 di giovedì 21 e  venerdì 22 giugno. La chiamata è gratuita)

dal sito delle ferrovie

Annunci

Diffidenza degli italiani verso i fondi pensione

19 giugno, 2007

Per conto del Sole 24 Ore, l’Istituto IPR Marketing sta conducendo un
monitoraggio sul livello di adesione ai fondi pensione. C’è stata una
prima rilevazione a febbraio, possiamo dire ancora “a freddo”, quando
le campagne di comunicazione erano solo all’inizio, una seconda a fine
marzo (“al giro di boa”) ed una ultima in zona Cesarini, a poco più di
10 giorni dalla scadenza, cioè nel periodo in cui si stanno maturando
le scelte dei dipendenti.
In generale possiamo affermare che si registra una significativa “diffidenza” rispetto alla opportunità di conferire il TFR ai fondi pensione. Bisogna anche notare che gli italiani, diversamente dal popolo americano, non credono ciecamente nella borsa, privilegiano investimenti sicuri e certi come quelli immobiliare e destinano al mercato borsistico solo una minima parte dei loro risparmi. Ecco che la stessa diffidenza si riscontra anche nelle
adesioni ai fondi pensione. D’altronde qualsiasi cambiamento di comportamento economico e sociale può essere misurato solo dopo lunghi periodi, ed il tempo di 6 mesi che è stato dato per aderire ai fondi, probabilmente è eccessivamente breve per poter incidere in maniera significativa nel cambiamento delle abitudini dei lavoratori italiani.
Inoltre, anche la comunicazione, sia istituzionale che privata, probabilmente ha
sottostimato il fatto che per poter cambiare le abitudini di un popolo bisogna adottare un “pressing comunicazionale” su tempi lunghi e non concentrato in pochi mesi. Infatti ad inizio anno c’erano solo gli spot istituzionali, deboli da un punto di vista di impatto comunicazionale, mentre solo dal mese di aprile-maggio i grandi gruppi privati sono
scesi in campo con spot mirati. Ma qualsiasi campagna di comunicazione ha tempi lunghi di metabolizzazione, ed ancora di più se è finalizzata a gestire il risparmio delle famiglie. In questo caso il “nuovo” anche se più attraente in teoria, viene vissuto come “pericolo” ed
“insicurezza” e, senza riscontri certi il rischio di cambiare le modalità della gestione del TFR viene percepito molto alto.

Consulta i risultati sul Sole24Ore

Antonio Noto – direttore IPR Marketing (Sole 24Ore)

Technorati Tags: