Mastella: «Chiarimento o si va a votare»

Clemente Mastella (Lapresse)
Clemente Mastella (Lapresse)

ROMA – Clemente Mastella si è sfogato con i giornalisti al Senato prima del voto (a rischio per la maggioranza) sulla Rai. «Così non si può andare avanti. O c’è un chiamento all’interno della maggioranza o in primavera si va al voto», ha affermato il leader dell’Udeur. «Non è possibile che per spirito di coalizione io mi turo il naso sulla Rai, visto che mi ha chiamato Prodi, e poi ognuno fa i distinguo su tutto».

DINI – Il ministro della Giustizia ce l’ha soprattutto con Lamberto Dini e i suoi seguaci, che hanno detto alcuni giorni fa che non entreranno nel Partito democratico e decideranno di volta in volta se appoggiare il governo Prodi. «L’ipotesi del 1994 stavolta non esiste. Piuttosto mi metto con l’opposizione e chiedo il voto con loro. Non esistono soluzioni tattiche». Mastella si è detto contrario a un nuovo esecutivo: «Non si può creare una situazione ancora più ingarbugliata di questa, fare una grande coalizione per tenere insieme quelli che non riescono a stare insieme nemmeno in questa coalizione. Quindi se il governo cade meglio il voto anche con l’attuale legge elettorale, magari con qualche modifica per il Senato».

dal Corriere

— questa però l’ho già sentita…—

Technorati Tags: , ,

Annunci

One Response to Mastella: «Chiarimento o si va a votare»

  1. Pino Ciampolillo ha detto:

    Il servizio Tutela Inquinamento Ambientale dell’Assessorato Territorio Ambiente della Regione Sicilia si sta rendendo responsabile di un atto illegittmo nel concedere l’autorizzazione all’uso del Pet-coke alla Italcementi di Isola delle Femmine.

    Italcementi. Sodano: stop ad utilizzo petcoke in stabilimento
    Palermo

    Italcementi. stop ad utilizzo petcoke in stabilimento Palermo

    Il presidente della Commissione Ambiente di Palazzo Madama presenta
    interrogazione

    “Intervenga il Ministro dell’Ambiente sull’utilizzo di petcoke come
    combustibile, da parte della Italcementi di Isola delle Femmine (Palermo).
    E’ una sostanza nociva per la salute e c’è il rischio che la regione Sicilia
    dia a quello stabilimento l’autorizzazione ad usarla”.
    Lo afferma in un’interrogazione al Governo il presidente della commissione
    Ambiente del Senato, Tommaso Sodano.
    Il senatore del Prc, facendo riferimento alla denunce presentate dal
    Comitato cittadino “Isola pulita” sia alla procura della Repubblica che
    all’Assessorato regionale Territorio e Ambiente, nel documento, paventa “il
    rischio che il dipartimento Tutela dall’inquinamento atmosferico della
    Regione Sicilia possa approvare l’utilizzo della petcoke attraverso una
    conferenza di servizi, nonostante sia ancora in corso la procedura per
    valutare l’impatto ambientale sul territorio dell’Isola delle Femmine. E’ un
    procedimento – sottolinea Sodano – illegittimo, in quanto sottrae al
    dipartimento competente la decisione sulla richiesta avanzata dalla società
    di modifica delle emissioni in atmosfera”.
    Una nuova seduta della conferenza dei servizi sarebbe in programma per il 17
    ottobre e l’amministrazione locale – stando a quanto riporta il comitato
    civico – avrebbe dato un assenso di massima all’uso di petcoke.
    Sodano ricorda che “in una risposta ad una precedente interrogazione il
    Ministero dell’Ambiente aveva già accertato l’utilizzo di tale sostanza
    senza autorizzazioni da parte dell’Italcementi e che l’impresa, autorizzata
    per il deposito ma non per la combustione, era già stata diffidata
    dall’utilizzarla per produrre energia per i propri impianti”.
    “E’ necessario intervenire – conclude Sodano – l’utilizzo del Petcoke è
    molto nocivo per la salute dei cittadini e per questo la Italcementi è stata
    più volte diffidata. Sarebbe assurdo autorizzarne l’impiego con un
    provvedimento regionale”.
    http://www.isolapulita.it
    http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2007/10/isola-delle-femmine-italcementi.html#links

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: