invito al silenzio sulla vicenda Mastella – De Magistris: «bisogna tacere e affidarsi al csm»

Il presidente della Camera Fausto Bertinotti interviene sullo scontro magistratura-politica

 


Il presidente della Camera Fausto Bertinotti (Emblema)

ROMA – Il caso de Magistris e l’inchiesta «Why not» continuano a tenere banco nel dibattito politico. All’indomani delle polemiche tra i ministri Mastella e Di Pietro (con il primo che ha chiesto ai magistrati di non insabbiare l’inchiesta e con l’ex pm che si è rivolto direttamente al premier Romano Prodi, chiedendogli di intervenire sui poteri del Guardasigilli), è Fausto Bertinotti a dire la sua sullo scontro magistratura-politica. «C’è un unico modo – secondo il presidente della Camera – per affrontare la questione: tornare al rispetto delle regole». Quanto alla vicenda Mastella-De Magistris, Bertinotti invita alla moderazione e al silenzio: «Siamo in attesa – spiega – di una decisione del Csm, e io credo che in questo caso bisognerebbe evitare commenti, tacere e affidarsi al Csm».

LEGGE ELETTORALE – A margine dell’incontro con il presidente dell’Ecuador Rafaele Correra, Fausto Bertinotti è tornato a intervenire anche su riforme e legge elettorale. Secondo il presidente della Camera una riforma costituzionale che superi il bicameralismo perfetto «è un’urgenza storica oltre che politica, una necessità per il sistema-Paese» che porta con sè l’adozione del sistema elettorale di tipo tedesco.

SINISTRA IN PIAZZA – Positivo il commento del presidente della Camera sulla manifestazione contro il precariato organizzata sabato scorso a Roma dalla sinistra. «È stata una pagina di straordinaria partecipazione democratica» ha detto Bertinotti, una pagina che si inserisce «in una stagione di grande partecipazione».
dal Corriere

Technorati Tags: , , ,

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: