Repression continues in China, six months before Olympic Games

25 marzo, 2008

When the International Olympic Committee assigned the 2008 summer
Olympic Games to Beijing on 13 July 2001, the Chinese police were
intensifying a crackdown on subversive elements, including Internet
users and journalists. Six years later, nothing has changed. But
despite the absence of any significant progress in free speech and
human rights in China, the IOC’s members continue to turn a deaf ear to
repeated appeals from international organisations that condemn the
scale of the repression.

From the outset, Reporters Without
Borders has been opposed to holding the Olympic Games to Beijing. Now,
a year before the opening ceremony, it is clear the Chinese government
still sees the media and Internet as strategic sectors that cannot be
left to the “hostile forces” denounced by President Hu Jintao. The
departments of propaganda and public security and the cyber-police, all
conservative bastions, implement censorship with scrupulous care.

Around 30 journalists and 50 Internet
users are currently detained in China. Some of them since the 1980s.
The government blocks access to thousands for news websites. It jams
the Chinese, Tibetan and Uyghur-language programmes of 10 international
radio stations. After focusing on websites and chat forums, the
authorities are now concentrating on blogs and video-sharing sites.
China’s blog services incorporate all the filters that block keywords
considered “subversive” by the censors. The law severely punishes
“divulging state secrets,” “subversion” and “defamation” – charges that
are regularly used to silence the most outspoken critics. Although the
rules for foreign journalists have been relaxed, it is still impossible
for the international media to employ Chinese journalists or to move
about freely in Tibet and Xinjiang.

Promises never kept

The Chinese authorities promised the
IOC and international community concrete improvements in human rights
in order to win the 2008 Olympics for Beijing. But they changed their
tone after getting what they wanted. For example, then deputy Prime
Minister Li Lanqing said, four days after the IOC vote in 2001, that
“China’s Olympic victory” should encourage the country to maintain its
“healthy life” by combatting such problems as the Falungong spiritual
movement, which had “stirred up violent crime.” Several thousands of
Falungong followers have been jailed since the movement was banned and
at least 100 have died in detention.

A short while later, it was the turn of
then Vice-President Hu Jintao (now president) to argue that after the
Beijing “triumph,” it was “crucial to fight without equivocation
against the separatist forces orchestrated by the Dalai Lama and the
world’s anti-China forces.” In the west of the country, where there is
a sizeable Muslim minority, the authorities in Xinjiang province
executed Uyghurs for “separatism.”

Finally, the police and judicial
authorities were given orders to pursue the “Hit Hard” campaign against
crime. Every year, several thousand Chinese are executed in public,
often in stadiums, by means of a bullet in the back of the neck or
lethal injection.

The IOC cannot remain silent any longer

The governments of democratic countries
that are still hoping “the Olympic Games will help to improve the human
right situation in China” are mistaken. The “constructive dialogue”
advocated by some is leading nowhere.

The repression of journalists and
cyber-dissidents has not let up in the past seven years. Everything
suggests that it is going to continue. The IOC has given the Chinese
government a job that it is going to carry out with zeal – the job of
“organising secure Olympic Games.” For the government, this means more
arrests of dissidents, more censorship and no social protest movements.

This is not about spoiling the party or
taking the Olympic Games hostage. And anyway, it is China that has
taken the games and the Olympic spirit hostage, with the IOC’s
complicity. The world sports movement must now speak out and call for
the Chinese people to be allowed to enjoy the freedoms it has been
demanding for years. The Olympic Charter says sport must be “at the
service of the harmonious development of man, with a view to promoting
a peaceful society concerned with the preservation of human dignity.”
Athletes and sports lovers have the right and the duty to defend this
charter. The IOC should show some courage and should do everything
possible to ensure that Olympism’s values are not freely flouted by the
Chinese organisers.

The IOC is currently in the best
position to demand concrete goodwill gestures from the Chinese
government. It should demand a significant improvement in the human
rights situation before the opening ceremony on 8 August 2008.

And the IOC should not bow to the
commercial interests of all those who regard China as a vital market in
which nothing should be allowed to prevent them from doing business.

No Olympic Games without democracy!

Reporters Without Borders calls on the
National Olympic Committees, the IOC, athletes, sports lovers and human
rights activists to publicly express their concern about the countless
violations of every fundamental freedom in China.

After Beijing was awarded the games in
2001, Harry Wu, a Chinese dissident who spent 19 years in prisons in
China, said he deeply regretted that China did not have “the honour and
satisfaction of hosting the Olympic Games in a democratic country.”

Russian dissident Vladimir Bukovsky’s
outraged comment about the holding of the 1980 Olympics in Moscow –
“Politically, a grave error; humanly, a despicable act; legally, a
crime” – remains valid for 2008.

da Reporters Without Borders

Technorati Tags: , , ,


Usa, foto e impronte digitali per tutti

20 novembre, 2007
Negli aeroporti turisti e lavoratori stranieri dovranno sottoporsi ad un esame su entrambe le mani

Una protesta contro l’obbligo per gli stranieri di lasciare le impronte digitali al loro ingresso in Giappone: ora anche gli Usa stanno per varare una schedatura di massa di turisti e lavoratori non americani (Reuters)

NEW YORK – Cattive notizie per i terroristi o anche per i criminali intenzionati a recarsi negli Usa, ma anche una irritazione crescente per le decine di milioni di inoffensivi turisti che, attirati fra l’altro anche dal dollaro debole, scelgono gli Stati Uniti per le loro vacanze. Con un’iniziativa pilota che diventerà operativa nelle prossime settimane, il nuovo Dipartimento per la sicurezza territoriale (Department of Homeland Security), creato dall’Amministrazione Bush dopo l’attacco terroristico contro le Torri Gemelle, introdurrà in aggiunta alle procedure attuali, che impongono a tutti i cittadini stranieri di essere fotografati e schedati con le impronte del dito indice di entrambe le mani quando passano attraverso il controllo passaporti,un sistema dattiloscopico di identificazione delle persone molto più sofisticato, ma anche – inevitabilmente – invasivo di quello attuale.

FOTO E IMPRONTE – In pratica, a chiunque entri negli Stati Uniti arrivando dall’estero (eccettuati i diplomatici e i cittadini statunitensi o i residenti permanenti con cittadinanza straniera in possesso di “carta verde”) verrà richiesto, in aggiunta all’obbligo di essere fotografati, anche di appoggiare entrambe le mani su un’ apparecchiatura di nuova concezione, capace di “fotocopiare”, memorizzare e analizza elettronicamente le impronte dei polpastrelli di tutte le dita dei visitatori stranieri.

SENZA DISTINZIONE – Come primo passo, informa il Dipartimento della sicurezza territoriale, che oggi pomeriggio illustrerà i nuovi sistemi di sicurezza alla stampa estera a New York, la procedura sarà applicata a tutti gli stranieri che arrivano all’aeroporto internazionale Dulles di Washington. Ma lo stesso sistema è già entrato in vigore da qualche tempo nei Consolati statunitensi, che hanno incominciato a richiedere la rilevazione automatica delle impronte di tutte le dita a chi presenti la richiesta di un visto, senza fare distinzione fra chi si reca negli Stati Uniti per motivi di studio o di ricerca, per turismo o per qualsiasi altra ragione.

CONTROLLI INCROCIATI – Grazie alle nuove tecnologie – che permetteranno di memorizzare e di analizzare decine o (in futuro) addirittura centinaia di milioni di impronte – tutti i dati raccolti dal Dipartimento per la sicurezza territoriale potranno servire per effettuare quasi in tempo reale dei controlli incrociati con le banche dati dell’Fbi, che attraverso il sistema Iafis (Integrated Automated Fingerprint Identification System) colleziona milioni di impronte di criminali schedati.

OAS_AD(‘Bottom1’);

LE PROTESTE – L’efficacia dei nuovi controlli con fotografie e impronte del solo indice delle mani destra e sinistra, sottolinea il Department of Homeland Security, è dimostrata dal fatto che il sistema, su oltre 64 milioni di vitatori stranieri, ha permesso di «intercettare più di 1300 fra criminali e violatori delle leggi sull’immigrazione». Ma le organizzazioni per la tutela dei diritti civili protestano, sostenendo che questi controlli indiscriminati sono «offensivi per la dignità umana» e discriminatori perché rivolti verso i soli cittadini stranieri. Al tempo stesso, come risulta dagli stessi dati forniti dal Dipartimento per la sicurezza, questa schedatura a tappeto elettronica finora ha permesso di individuare come immigrati clandestini o criminali solo il 2,3 per 100.000 degli oltre 64 milioni di stranieri controllati dalla polizia di frontiera degli Stati Uniti.

Renzo Cianfanelli sul Corriere

Technorati Tags: , ,


Novartis non chiude “la farmacia dei paesi poveri”

29 agosto, 2007

Grazie agli 80mila italiani che
hanno firmato per impedire a Novartis di chiudere “la farmacia dei paesi poveri”!

L’India potrà continuare a produrre farmaci per i Paesi in via di sviluppo. Bocciato il ricorso della Novartis contro la legge Indiana sui brevetti. Il sollievo di milioni di medici e pazienti.

New Delhi/Roma, 6 agosto 2007 – L’Alta corte di Chennai ha emesso una sentenza storica che preserva la legge Indiana sui brevetti e dà torto alla multinazionale farmaceutica svizzera Novartis, che voleva far dichiarare illegittima la normativa che consente alle industrie indiane di produrre equivalenti generici di farmaci essenziali e salva-vita, finanziariamente accessibili per i Paesi in via di sviluppo.

“Questa sentenza è un grosso sollievo per milioni di pazienti e medici che operano nei Paesi più poveri e che dipendono in larga misura da farmaci prodotti in India – dice Raffaella Ravinetto , presidente dell’associazione umanitaria Medici Senza Frontiere in Italia – . La Corte Indiana ribadisce il diritto dei Paesi come l’India a emanare leggi che facciano proprie tutte le clausole di salvaguardia previste negli accordi internazionali sul commercio e scongiura il rischio di una ulteriore restrizione della possibilità di produrre farmaci generici, indispensabili per far fronte alle esigenze di salute pubblica delle popolazioni più vulnerabili. Chiediamo a tutte le multinazionali farmaceutiche e ai Paesi ricchi di rispettare la legislazione indiana e di smettere di spingere affinché i Paesi in via di sviluppo adottino regimi ancora più restrittivi in materia di brevetti sui farmaci”.

La Novartis aveva trascinato in giudizio il Governo Indiano per forzarlo a modificare la legge indiana sui brevetti in modo da ottenere una più facile e più ampia protezione della proprietà intellettuale per i suoi prodotti. Novartis affermava che la legge indiana – che consente entro certi limiti la produzione di versioni generiche di alcuni medicinali essenziali – non rispetta le regole fissate dall’Organizzazione Mondiale del Commercio. Ma queste lamentale lamentele sono state giudicate prime prive di fondamento dall’Alta Corte di Chennay.

Fino al 2005 l’India non riconosceva brevetti sui farmaci: a partire dal 2005 – data entro la quale l’Organizzazione Mondiale del Commercio ha richiesto ai Paesi in via di sviluppo di mettere in atto le nuove norme sui brevetti – l’India ha approvato una legge che prevede alcune misure di salvaguardia, come quella secondo cui i brevetti sono concessi solo sui farmaci realmente innovativi. Questo significa che le compagnie che vogliono brevettare semplici miglioramenti apportati a un principio attivo già in commercio, al fine di estendere ulteriormente il monopolio, non potranno farlo in India.

Novartis chiedeva che proprio questa clausola di salvaguardia per i pazienti fosse rimossa dalla legge indiana. Se la Corte avesse dato ragione alla multinazionale si sarebbe drasticamente ridotta la possibilità di produzione di farmaci in generici “made in India” che sono cruciali per il trattamento di malattie mortali in moltissimi Paesi in via di sviluppo.

“Medici Senza Frontiere tratta oltre 100mila malati di HIV in tutto il mondo e ben l’84% dei farmaci antiretrovirali che prescriviamo, pre-qualificati dall’Organizzazione Mondiale della salute, proviene dall’India – spiega la Ravinetto -. Molti Governi di Paesi in via di sviluppo e altre agenzie internazionali come l’Unicef e, la Clinton Foundation ed anche il Pepfar, dipendono dai produttori indiani di generici per l’approvvigionamento di farmaci contro l’Aids. Dobbiamo permettere all’India di continuare a essere la Farmacia dei Paesi Poveri”.

Oltre 420mila persone in tutto il mondo hanno firmato una petizione per chiedere a Novartis di ritirarsi dalla causa intentata contro il Governo Indiano, consapevoli che se Novartis avesse vinto l’impatto sarebbe stato devastante per l’accesso alle cure nei Paesi poveri. Tra i firmatari alcune personalità di rilievo tra cui il ministro Indiano della salute Anbumani Ramadoss, il Premio Nobel per la pace sudafricano Desmond Tutu, gli autori John Le Carré e Naomi Klein oltre a molti parlamentari e ministri europei e statunitensi e per l’Italia il sindaco di Roma, Walter Veltroni, il sottosegretario agli Esteri Patrizia Sentinelli e personaggi del mondo dello spettacolo come Beppe Grillo e Dario Fo.

[Medici Senza Frontiere] – Newsletter n.93

Technorati Tags: ,


Ibridi animale e uomo: i nuovi embrioni

3 luglio, 2007

Leggo sul Corriere delle nuove sperimentazioni per ottenere cellule staminali, da embrioni ottenuti ‘mescolando’ materiale umano a materiale animale…
Sarò un profano, ma la sola ipotesi che in qualche centro spregiudicato si possa decidere di non sopprimere tali embrioni entro il 14° giorno (come previsto dalla legge britannica), fatto già di per sè eticamente discutibile, ma si provi a portarli a completa maturazione mi fa rabbrividire…

Questa la notizia:
“Un embrione, al 99,9 per cento umano e per lo 0,1 animale, «nascerà»
tra qualche mese. E non in qualche remoto laboratorio dell’Estremo
Oriente, bensì a due passi da casa nostra, nei centri universitari di
Londra, Newcastle ed Edimburgo, in Gran Bretagna. Si tratta di ciò che
viene detto una chimera o, più correttamente, un ibrido. Dovrà essere
soppresso entro 14 giorni, ma nel frattempo permetterà ai ricercatori
di ottenere colture di cellule staminali embrionali utili a studiare i
meccanismi di malattie come il Parkinson o l’Alzheimer e a trovarne poi
una terapia. Il primo passo verso una nuova frontiera della scienza è
stato fatto: un mese e mezzo fa alcuni ministri inglesi si sono
dichiarati favorevoli alla creazione di ibridi e chimere, appoggiati in
questo da un’indagine della Commissione Scienza e Tecnologia della
Camera dei Comuni che, preso atto dell’insufficienza di embrioni umani
disponibili per la ricerca, ha concluso che è necessario provare altre
strade. In nome della libertà della scienza.” […]
continua a leggere l’articolo

Technorati Tags: , ,


Svizzera, là dove l’ADSL è un diritto di tutti

25 giugno, 2007

Berna – È possibile che l’incumbent sia investito dell’obbligo istituzionale di fornire a tutti gli utenti, indiscriminatamente, connettività Internet a banda larga? Sì, quando il broad band viene considerato parte del servizio universale, e questa è ora una realtà in Svizzera.

L’erba del vicino, si sa, è sempre più verde e l’utenza italiana da tempo si confronta con quanto accade nei mercati TLC dei Paesi confinanti: se finora l’esempio da seguire era la Francia, per la sua capillare diffusione del broad band a basso costo garantita da una pluralità di operatori, ora il Belpaese potrebbe provare invidia anche per la Svizzera, con la quale ha in comune la presenza di un incumbent che ha la leadership del mercato.

ComCom, Commissione federale delle comunicazioni, ha infatti designato Swisscom quale “concessionario del servizio universale” a partire dal 2008. Come si legge nel comunicato diffuso dalla stessa ComCom la scorsa settimana, per i prossimi dieci anni la compagnia “sarà dunque tenuta a fornire le prestazioni del servizio universale in materia di telecomunicazioni all’insieme della popolazione e in tutte le regioni del Paese. La nuova concessione obbliga Swisscom a offrire, oltre al collegamento analogico e digitale, anche una connessione Internet a banda larga”.

“Il servizio universale in Svizzera – spiega la stessa Commissione – include ora anche la messa a disposizione di un collegamento a Internet a banda larga con una velocità di trasmissione pari a 600/100 kbit/s, si tratta di una prima mondiale”. La missione di Swisscom non sembra comunque avere carattere utopico: già due anni fa l’azienda dichiarava una copertura geografica dell’ADSL pari al 98% dei collegamenti di rete fissa.

“Ogni Paese fa storia a sé – commenta tra gli altri ADUC – ma dalla Svizzera viene un esempio di come dovrebbero operare le istituzioni per stimolare il mercato e la diffusione delle innovazioni tecnologiche”. Va detto che sono ormai molti anni che utenti e consumatori si battono anche nel nostro paese affinché la fornitura di ADSL o comunque di connettività broad band sia considerata un servizio universale. Uno strumento “definitivo” contro il digital divide che, però, non è mai stato preso in seria considerazione nelle stanze dei bottoni italiote.

Dario Bonacina su Punto Informatico

Technorati Tags: , ,


Amnesty: il virus della repressione cambia la Rete

7 giugno, 2007

Roma – La Rete potrebbe rendersi irriconoscibile, a meno che il “virus della repressione su Internet” non venga debellato. Suona così l’avvertimento lanciato da Amnesty International per bocca di Tim Hancock, responsabile delle campagne dell’organizzazione.

Internet sta cambiando volto, dominata sempre più da quello che Amnesty definisce “modello cinese“: una Rete che traina una crescita economica dai ritmi vertiginosi, ma che, con il crescere della sua popolarità, viene progressivamente strangolata dal volere dei governi. Interessati a difendere la propria reputazione e a non spezzare il silenzio che i cittadini e i media riservano loro rifugiandosi nell’autocensura; per non dissipare la cortina di ignoranza che aleggia attorno al proprio operato, i governi filtrano le informazioni e instaurano un regime di sorveglianza a favore dei propri netizen.

Lo ha confermato, di recente, anche un report di Open Net Initiative: la censura governativa opera in almeno 26 stati, dalla Bielorussia alla Tunisia, dalla Thailandia all’Iran. Senza contare l’Occidente, escluso dal report solo per le motivazioni che spingono alla selezione dei contenuti online, da noi più di impronta sociale che politica.

Hancock fa riferimento a tecniche subdole come il filtraggio, ma ricorda anche situazioni in cui i governi hanno agito ancor più attivamente, a scopo dimostrativo, limitando l’accesso agli Internet café, oscurando siti, arrestando coloro che, come il blogger egiziano Kareem Amer, avevano trovato in Rete spazio e visibilità per denunciare le brutture del proprio paese.

La situazione non può che involvere nel momento in cui le imprese, desiderose di conquistare mercati in espansione, decidono di affiancarsi ai governi e di scendere a patti, sovrapponendo complicità politiche ad interessi commerciali. A questo proposito Amnesty aveva già invocato l’intervento degli ISP, invitandoli a sostenere dal basso la causa dei diritti umani e della libertà di espressione in Rete, nel momento in cui le grandi aziende, nonostante vacue promesse di codici di condotta, sembrano preferire supportare la proficua causa dei governi.

Sono infatti note le collusioni di big player della rete con il governo cinese, considerato il vertice della censura online: Cisco e Google, fra mea culpa e richiami all’ordine da parte degli azionisti, hanno collaborato a filtrare e selezionare ciò che si pone al di là della grande muraglia digitale; Yahoo pare abbia supportato il governo della Repubblica Popolare consentendo di rintracciare ed arrestare un dissidente. Meno nota la questione sollevata da New Scientist, su cui ha richiamato l’attenzione Reporters sans frontieres: grandi nomi dell’industria occidentale starebbero lavorando, proprio in Cina, ad un software per la profilazione “profonda” dei netizen. Utile a scopi commerciali, potrebbe essere sfruttato per individuare gli elementi sovversivi, a partire dalle tracce lasciate dalle loro abitudini online.

Amnesty si è schierata in più occasioni a favore della libertà di espressione in Rete: ultima la web conferenza tenuta ieri nel contesto della campagna Irrepressible, che ha da poco compiuto un anno. La Rete sta cambiando volto, mutilata dalle cause commerciali e da governi che temono di perdere il controllo dell’informazione, ma anche da quella che si configura spesso come una scrematura demagogica. Avverte Hancock: “Ora accendiamo il computer dando per scontato che quello che vediamo è tutto ciò che esiste online. Temiamo che in futuro sarà possibile accedere solo a ciò che qualcuno riterrà opportuno lasciarci vedere”.

Gaia Bottà su Punto Informatico

Technorati Tags: , ,


Venezuela, il regime televisivo di Chávez

30 maggio, 2007

Il presidente Hugo Chavez, già indicato dal Times come una delle 100 persone più influenti del mondo nel 2005 e nel 2006, continua ad usare il pugno di ferro contro l’opposizione e il dissenso nei confronti dello stato autoritario e illiberale che ha instaurato in Venezuela. Ultima iniziativa in ordine di tempo è la chiusura di RCTV, il canale televisivo più vecchio del paese, considerato troppo critico nei confronti della sua politica populista, cosiddetta anti-imperialista e basata sul socialismo democratico.

I “cavalieri dell’Apocalisse”, come Chávez ha pittorescamente definito i canali di opposizione, sono da tempo nel mirino del presidente venezuelano, dopo averne subito l’ostracismo nel 2002. La stazione televisiva RCTV ha terminato le trasmissioni questo lunedì 28 maggio, e il programma di news si è congedato dal pubblico con un messaggio video diffuso in rete con cui denuncia la politica illiberale di Chàvez: presente tutto lo staff del canale televisivo, imbavagliato e con indosso la maglietta “No alla chiusura”.

“Questa azione ha dimostrato la natura abusiva, arbitraria e autocratica del governo Chàvez – ha dichiarato Marcel Granier, presidente di RCTV – un governo che teme il pensiero libero, teme le libere opinioni e teme la critica”. Ed è un’azione che inasprisce lo scontro tra i supporter e i contestatori della terza presidenza dell’ex-golpista Chàvez: nelle strade di Caracas si sono registrate manifestazioni uguali e contrarie, tra chi inneggiava al presidente populista e le migliaia di persone che protestavano per la serrata televisiva fronteggiando i cordoni protettivi della polizia (vedi in calce il video).

Le trasmissioni di RCTV sono state ora sostituite da quelle di un canale controllato dallo stato, ennesimo esempio della politica accentratrice e statalista di Chàvez: dopo venti minuti dalla chiusura del vecchio network, riporta Reuters, è cominciata la diffusione dei nuovi palinsesti approvati dal regime, inclusivi di concerti di musica tradizionale, un film su Simon Bolivar, eroe preferito del presidente, e spot propagandistici della politica governativa.

Unanime è la condanna della serrata nel consesso internazionale, in particolare del senato americano e del parlamento dell’Unione Europea, mentre i sostenitori del presidente giustificano l’azione criticando la dubbia deontologia seguita dai giornalisti di RCTV. Anzi c’è chi vorrebbe azioni ancora più forti, tra i manifestanti pro-governativi scesi nelle strade della capitale per festeggiare la serrata, arrivando a proporre, sempre secondo Reuters, la chiusura di altri network televisivi critici come Globovision.

Secondo la società di sondaggi Datanalisis, ad ogni modo, ad opporsi allo shut down di RCTV sono quasi il 70% dei venezuelani. Ma non perché essi siano particolarmente preoccupati delle implicazioni sulla libertà di stampa e di espressione, bensì per aver perso la possibilità di seguire le loro soap-opera preferite.

Alfonso Maruccia su Punto Informatico

Technorati Tags: , ,